Come svegliarsi riposati?

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
Condividi

Quante volte è successo di mettersi a letto stremati e di svegliarci il giorno dopo ancora più stanchi del giorno prima? Come se non ci fossimo riposati affatto. Diamo la colpa allo stress, alla nostra vita sedentaria, all’eccesso di fatica, ecc. Molte a volte capita però che dormendo solo 4 ore e mezzo anziché le classiche 8, ci svegliamo in piena forma e pronti a partire. Perché accade ciò? Il trucco è la conoscenza dei cicli del sonno. Scopriamo quindi come svegliarsi riposati.

I cicli del sonno

Quando dormiamo “il nostro sonno” esegue dei cicli che hanno una durata approssimativa di 90 minuti. La soluzione ottimale per svegliarsi riposati sarebbe aprire gli occhi in prossimità della fine o dell’inizio di uno di questi cicli e in definitiva regolarizzare il più possibile la durata del nostro sonno. Cosa vuol dire? Vuol dire cercare di andare a dormire ad un orario preciso e svegliarsi ad un orario in corrispondenza a quello in cui siamo andati a dormire. Ancora troppo complicato? Facciamo degli esempi. Se tra un’attività ed un’altra si riesce ad andare a dormire alle ore 23:00, gli orari migliori per svegliarsi sarebbero: 00:30, 2:00, 3:30, 5:00, 6:30, 8:00 e così via. Svegliarsi in prossimità di questi orari permetterebbe il così detto “sonno ristoratore”. Siamo spossati invece quando ci svegliamo in orari che spezzano il ciclo del sonno

Esempio

Esempio: ci addormentiamo alle 23:00 e ci svegliamo alle 7:15.

Teniamo presente però che l’orario in cui ci addormentiamo non è l’orario in cui ci mettiamo a letto. In media infatti l’uomo impiega circa 15 minuti per addormentarsi una volta coricato a letto. Se vogliamo provare teniamo presente questo fattore. Inoltre, è da tenere in considerazione che possiamo anche scegliere di dormire poche ore a notte ma alla lunga avremo con molta probabilità, problemi legati al nostro riposo. Non Rimane che testare il metodo e vedere se riusciamo a svegliarci riposati. E dopo esserci svegliati così potremo solo che cercare di essere produttivi. Scopri come!

Hai già provato il sistema?

Scrivi nei commenti come è andata

close
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre informato sugli ultimi articoli! Non ti daremo troppo fastidio! Promesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *